Bonus 200 euro: a chi spetta e come ottenerlo

Il bonus da 200 euro è un contributo “una tantum”, introdotto dal Decreto Aiuti n.50 pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.114 del 17 maggio 2022, per pensionati, lavoratori dipendenti e autonomi, lavoratori domestici e stagionali, disoccupati e beneficiari del Reddito di Cittadinanza.

La misura è volta a contrastare l’aumento dei prezzi in tutti i settori della vita quotidiana e sarà erogata solo a chi nel 2021 ha percepito un reddito al di sotto dei 35.000 euro.

Bonus 200 euro: chi sono i beneficiari

Il bonus 200 euro spetta alle seguenti categorie di soggetti:

  • lavoratori dipendenti, compresi i lavoratori domestici e stagionali;
  • lavoratori autonomi e liberi professionisti;
  • pensionati;
  • percettori di Reddito di Cittadinanza;
  • disoccupati;
  • lavoratori dello spettacolo;
  • incaricati di vendite a domicilio.

Coloro che appartengono a queste categorie, per ottenere il bonus, dovranno aver percepito un reddito annuo del 2021 non superiore a 35.000 euro.

Requisiti per ottenere il Bonus 200 euro

Nel Decreto Aiuti 2022 sono stati specificati i requisiti necessari per ciascuna categoria di soggetti, ovvero:

lavoratori e lavoratori domestici, avere in essere uno o più rapporti di lavoro alla data del 18 maggio 2022.

Titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa:

  • avere contratti attivi alla data del 18 maggio 2022;
  • essere iscritti alla Gestione separata e non essere iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie;
  • avere un reddito derivante dai rapporti di lavoro non superiore a 35.000 euro nel 2021.

Lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti:

  •  aver svolto prestazioni per almeno 50 giornate;
  •  avere un reddito derivante dai rapporti indicati non superiore a 35.000 euro per il 2021.

    Lavoratrici e i lavoratori dello spettacolo
    :
  •  essere iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo;
  •  aver versato almeno 50 contributi giornalieri:
  •  avere un reddito derivante dai rapporti indicati non superiore a 35.000 euro per il 2021.

    Lavoratori autonomi, privi di partita IVA
    , non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie:
  •  essere stati titolari di contratti autonomi occasionali riconducibili alle disposizioni di cui all’articolo 2222 del codice civile;
  •  per il 2021 deve risultare l’accredito di almeno un contributo mensile;
  •  essere già iscritti alla Gestione Separata alla data del 18 maggio.

    Gli incaricati alle vendite a domicilio
    :
  • avere un reddito nell’anno 2021 derivante dalle attività di vendita a domicilio superiore a 5.000 euro;
  • essere titolari di partita IVA attiva;
  • essere iscritti alla Gestione separata alla data del 18 maggio.

Pagamento del Bonus 200 euro

Il bonus da 200 euro funziona in modo parzialmente diverso a seconda che si tratti di pensionati, lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi, colf, disoccupati o beneficiari di Reddito di Cittadinanza. Sarà pagato, a seconda dei casi:

  • direttamente con la pensione a luglio quando a beneficarne è un pensionato;
  • in busta paga a luglio se si tratta di un lavoratore dipendente;
  • a seguito di apposita domanda nel caso dei lavoratori autonomi con o senza partita IVA, stagionali, colf e badanti, lavoratori dello spettacolo, incaricati di vendite a domicilio;
  • in automatico sull’indennità NASPI o DIS-COLL in caso di disoccupati;
  • con un’integrazione del sussidio quando riguarda i percettori del Reddito di Cittadinanza.

Vediamo nel dettaglio come funziona l’erogazione del bonus 200 euro a seconda dei casi:

Modalità di erogazione per gli autonomi

Gli autonomi/liberi professionisti (con partita IVA) riceveranno il bonus di 200 euro tramite una procedura dedicata che verrà definita da un decreto ministeriale che sarà emanato entro 30 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto Aiuti, quindi entro il 17 di giugno.

Modalità di erogazione Colf, CO.CO.CO, stagionali e lavoratori dello spettacolo

Le colf e le badanti, gli stagionali, i lavoratori dello spettacolo, gli incaricati delle vendite a domicilio riceveranno l’indennità, a seguito di apposita domanda, tramite una procedura dedicata.

Per approfondimenti in merito all’argomento trattato e per qualsiasi informazione di natura previdenziale, è possibile rivolgersi alle sedi del Patronato 50&PiùEnasco.

Potrebbe interessarti anche

  • Le novità per convivenze di fatto e unioni civili

    L’ultima circolare Inps sugli assegni al nucleo familiare e altre prestazioni a sostegno della famiglia dopo la Legge Cirinnà. Con la circolare n. 84 del 5 maggio 2017, l’Inps fornisce importanti informazioni sugli effetti delle nuove norme introdotte dalla legge Cirinnà riguardo le prestazioni a sostegno delle famiglie erogate dall’Istituto. Di particolare rilievo sono le novità riferite alla pensione di reversibilità,

    11 Maggio 2017
  • Chi deve iscriversi alla gestione speciale dei commercianti?

    Sono tenuti all’iscrizione i titolari o gestori che esercitano in forma abituale e prevalente una attività commerciale. Sono interessati anche i parenti e affini entro il 3° grado. Se invece si tratta di una società? L’obbligo assicurativo rimane. Chi continua a lavorare dopo la pensione è tenuto a versare i contributi, con lo “sconto”, però.

    18 Gennaio 2018
Hai bisogno di consulenza e assistenza previdenziale?
diritti inespressi