Assicurazione contro gli infortuni domestici: scadenza il 31 gennaio

Scadrà il 31 gennaio 2023 il termine per il versamento del premio annuale di € 24,00 per l’assicurazione contro gli infortuni domestici, che tutela coloro che svolgono, a titolo gratuito e senza vincolo di subordinazione, un’attività rivolta alla cura dei componenti della famiglia e dell’ambiente in cui dimorano, in modo abituale ed esclusivo.

L’assicurazione conto gli infortuni domestici è obbligatoria per coloro che:

  • hanno un’età compresa tra i 18 e i 67 anni compiuti;
  • svolgono lavoro per la cura dei componenti della casa e della famiglia;
  • non sono legati da vincoli di subordinazione;
  • prestano lavoro domestico in modo abituale ed esclusivo.

Assicurazione contro gli infortuni domestici: cosa c’è da sapere

Il premio assicurativo annuale (detraibile fiscalmente) non è frazionabile e deve essere corrisposto entro il 31 gennaio 2023.

Sono esonerati dal pagamento del premio coloro che soddisfano entrambe le seguenti condizioni:

  • hanno un reddito personale inferiore a 4.648,11 euro annui;
  • fanno parte di un nucleo familiare il cui reddito complessivo lordo non supera i 9.296,22 euro annui.

Per costoro il premio è a carico dello Stato.

Il Patronato 50&PiùEnasco è a disposizione per maggiori informazioni sull’argomento.

Per approfondimenti in merito all’argomento trattato e per qualsiasi informazione di natura previdenziale, è possibile rivolgersi alle sedi del Patronato 50&PiùEnasco.

Potrebbe interessarti anche

  • Indennizzo commercianti: conferme dal Governo

    Il nuovo esecutivo intende ampliare la platea di coloro che ne hanno diritto, vista la crisi del settore. A cura di Gianni Tel, 50&Più L’indennizzo per cessazione dell’attività commerciale sta per essere concesso anche ai commercianti che hanno chiuso l’attività tra il 2017 e 2018. È questo il recente chiarimento del Ministero del Lavoro in

    6 Novembre 2019
  • Cosa succede ai contributi versati DOPO la pensione?

    I pensionati che continuano a lavorare, versando i contributi, possono chiedere il supplemento di pensione che, una volta liquidato, si somma al trattamento pensionistico originario. Ecco come funziona. Oggi è possibile, per chi è titolare di pensione, continuare a lavorare cumulando i redditi da lavoro con la pensione, fermo restando l’obbligo della contribuzione previdenziale. Ma

    16 Giugno 2016
Hai bisogno di consulenza e assistenza previdenziale?
diritti inespressi