Bonus pensionati

Pensionati: arriva il bonus di 154,94 euro, ma non per tutti

28 Novembre 2019
Oltre alla tredicesima, a dicembre i pensionati riceveranno una somma aggiuntiva. I requisiti da soddisfare, però, sono molto stretti.
A cura di 50&PiùEnasco 

I pensionati che non superano il trattamento minimo annuale (6.824,07 €.) e con un reddito entro determinati limiti, a dicembre riceveranno la somma aggiuntiva di 154,94€, oltre alla tredicesima.

Il bonus è stato introdotto dalla Finanziaria 2001 (L. n. 388) e viene erogato in via provvisoria, in attesa della verifica reddituale. Ne possono beneficiare anche le pensioni con decorrenza in corso d’anno. In questo caso, l’importo sarà calcolato secondo i mesi di percezione della pensione. Il bonus non costituisce reddito e, pertanto, non viene tassato. Inoltre, non deve essere dichiarato per ricevere le prestazioni previdenziali e assistenziali.

Per i pensionati che ricevono prestazioni dall’Inps, il pagamento dell’importo aggiuntivo, negli stessi termini e con le medesime modalità, viene corrisposto dall’Ente individuato dal Casellario centrale dei pensionati.

Per beneficiarne ci sono diversi requisiti da soddisfare. Innanzitutto, mentre la tredicesima spetta a tutti i pensionati, il bonus non è previsto per alcuni trattamenti previdenziali e assistenziali erogati dall’Inps, quali:

• pensione invalidità civile;

• pensione sociale;

• assegno sociale;

• rendita facoltativa di vecchiaia;

• rendita facoltativa d’inabilità;

• pensioni di vecchiaia e di invalidità della mutualità pensioni a favore delle casalinghe;

• assegni di esodo;

• isopensione.

Ad eccezione di questi trattamenti, le altre pensioni hanno diritto al bonus, ma solo quando soddisfano gli altri requisiti legati al reddito. Infatti, per capire se un pensionato ha diritto o meno al bonus, si tiene conto sia dell’importo della sua pensione che del reddito personale (sia individuale o coniugale).

Per l’anno 2019 i controlli sulle pensioni hanno tenuto conto dei seguenti limiti:

-se l’importo complessivo delle pensioni per l’anno 2019 (comprensivo delle maggiorazioni sociali e dell’incremento) è risultato maggiore di € 6.824,07, nulla spetta al pensionato;

-se l’importo complessivo delle pensioni per l’anno 2019 è risultato minore o uguale a € 6.669,13, il pensionato ha diritto al bonus per intero, sempre entro le soglie reddituali proprie e del coniuge previste.

-se l’importo complessivo delle pensioni per l’anno il 2019 è risultato compreso tra € 6.669,13 ed € 6.824,07, al pensionato spetta la differenza tra € 6.824,07 e l’importo della pensione, sempre entro i limiti reddituali propri e del coniuge.

In evidenza

Condizioni reddituali

Il bonus di 154,94 euro, che si aggiunge alla tredicesima, viene corrisposto tenendo conto anche di determinati limiti di reddito propri e del coniuge. 

Nel caso di pensionato coniugato, il reddito per il 2019 non deve superare 20.007,39 €, se invece si tratta di un pensionato single allora il limite è di 10.003,70 €.

Per qualsiasi problematica attinente l’argomento trattato, o per altra questione di natura previdenziale, il Patronato 50&PiùEnasco offre tutta la consulenza e l’assistenza necessarie.