Enasarco: prestazioni assistenziali 2024

Enasarco: prestazioni assistenziali 2024

La Fondazione Enasarco anche per il 2024 ha rilasciato il programma delle prestazioni assistenziali mettendo a disposizione dei propri iscritti e delle loro famiglie una vasta gamma di vantaggi.

Tali servizi fanno parte del programma delle prestazioni assistenziali, a cui si aggiungono l’indennità per malattia, infortunio e ricovero e i mutui fondiari convenzionati.

Il programma delle prestazioni assistenziali 2024 comprende 21 prestazioni e definisce il welfare disponibile per gli iscritti Enasarco e le loro famiglie.

Nuove prestazioni Enasarco 2024

Rispetto al 2023 sono stati inseriti nuovi prodotti welfare:

  1. assistenza personale permanente domiciliare: prestazioni di tipo medico, infermieristico, riabilitativo e socio-sanitario per i titolari di pensione di inabilità permanente erogate direttamente dalla società OSA Next s.r.l. per gli iscritti che non superano un valore ISEE di € 37.241,33 per un massimale di € 2.500,00;
  2. prestazioni socio-sanitarie: prestazioni di tipo medico, infermieristico, riabilitativo e socio-sanitario, erogate direttamente dalle società convenzionate con la Fondazione per un massimale di € 500,00/anno;
  3. progetto salute uomo: che presenta la stessa offerta welfare del “Progetto salute donna” con pacchetti di prevenzione finalizzati alla diagnosi precoce delle principali patologie (erogazione contributo o in alternativa, prestazione sanitaria diretta). Possono beneficiarne coloro che hanno un reddito lordo per l’anno 2022 non superiore ad € 46.700,00;
  4. pacchetto check-up base: un pacchetto check-up base erogato direttamente dalle società convenzionate per gli iscritti che non superano un reddito annuo di € 46.700,00
  5. contributo per l’attivazione di polizze eventi catastrofali: si tratta di un contributo pari al 60% della spesa sostenuta per un importo massimo di € 500,00 agli iscritti che nel corso del 2024 sottoscrivono contratti assicurativi a copertura di danni causati da calamità naturali ed eventi catastrofali (sismi, alluvioni, frane, etc.) valido per persone fisiche, società di persone e società di capitali;
  6. concessione Pec ai pensionati: totalmente a carico della Fondazione, permette agli iscritti pensionati di attivare la Pec durante l’accesso in area riservata.

Rispetto al 2023 sono state introdotte alcune modifiche sulle prestazioni esistenti:

Requisiti

  1. Requisito reddituale: il reddito di riferimento, ove previsto, è stato elevato da €43.200,00 a €46.700,00 mentre il valore ISEE è stato elevato da €34.450,82 a €37.241,33.
  2. Requisito contributivo: è stato riformulato come segue “essere in possesso di una anzianità contributiva al 31/12/2023 di almeno 1 anno nell’ultimo biennio (2022-2023) coperta esclusivamente da contributi obbligatori non inferiori al minimale”.

Modifiche relative alle prestazioni

  1. Contributo per infortunio, ricoveri o spese mediche per over 75: è stato eliminato perché inserito nella nuova copertura indennitaria (ex garanzia C) che non prevede l’esclusione degli iscritti con più di 75 anni, fermo restando il possesso dei requisiti richiesti dalla garanzia stessa.
  2. Contributo per infortunio, malattia o ricovero: la certificazione medica deve essere rilasciata unicamente da Pronto Soccorso o strutture ospedaliere. Inoltre, non si può presentare domanda se l’iscritto ha già beneficiato del contributo nei tre anni precedenti.
  3. Contributo per assistenza figli disabili: il figlio con disabilità deve essere convivente e fiscalmente a carico dell’iscritto.
  4. Contributo per maternità: occorre presentare copia del certificato medico ginecologico attestante lo stato di gravidanza e la settimana di gestazione rilasciato da una struttura pubblica (Asl, struttura ospedaliera pubblica o INPS).
  5. Contributo per assistenza personale permanente: sostituito dalla prestazione “Assistenza personale permanente domiciliare” che al posto del contributo forfettario, dà la possibilità di accedere a servizi alternativi e domiciliari fino ad un massimale di € 2.500,00.
  6. Contributo per le spese funerarie: occorre anche una dichiarazione sostitutiva attestante il grado di parentela con l’iscritto deceduto.
  7. Progetto salute donna: verrà erogato un importo fisso di €200,00. In alternativa, le iscritte che non superano un reddito annuo di €46.700,00, possono accedere a pacchetti di prevenzione offerti dalle società partecipate tramite un voucher da consegnare alla struttura che esegue la prestazione.

Prestazioni Enasarco: come si effettua la domanda

In relazione alla modalità di presentazione delle domande, Enasarco eroga la maggior parte delle prestazioni in ordine di prenotazione ovvero seguendo la data di caricamento della domanda. Solo per quattro tipologie di contributi la Fondazione utilizza la modalità bando e le elenchiamo di seguito:

  • case di riposo;
  • spese funerarie;
  • premi studi per obiettivo scolastico;
  • premi per tesi di laurea.

Permane anche per il 2024 il presupposto reddituale per l’erogazione i cui riferimenti sono:

  • valore ISEE;
  • reddito complessivo imponibile ai fini IRPEF.

I contributi vengono assegnati secondo una graduatoria di valore del reddito/ISEE dal più basso al più alto.

Analogamente al 2023 è possibile inviare domande per le prestazioni assistenziali anche in presenza di un requisito reddituale superiore o senza dichiarare il reddito. In presenza di eventuali risparmi e fino al limite massimo previsto da ciascuna prestazione infatti, verranno prese in considerazione in questo ordine 1) le domande degli iscritti con reddito maggiore a quello stabilito e 2) le domande di coloro che volontariamente non hanno presentato il modello ISEE.

La maggior parte delle prestazioni entrerà in vigore il 18 giugno. Saranno invece a disposizione dal 2 luglio:

  • pacchetto check-up base;
  • progetto Salute Uomo;
  • progetto Salute Donna;
  • prestazioni sociosanitarie;
  • assistenza personale permanente domiciliare.

Si ricorda che il welfare è annuale pertanto di norma il termine ultimo per presentare le domande è il 31/12/2024. Per gli eventi che si verificheranno nel corso del mese di dicembre 2024 la scadenza è posticipata al 31/01/2025.

Per approfondimenti in merito all’argomento trattato e per qualsiasi informazione di natura previdenziale, è possibile rivolgersi alle sedi del Patronato 50&PiùEnasco.

Potrebbe interessarti anche

  • Congedo parentale COVID-19 per quarantena scolastica: istruzioni e requisiti

    Il lavoratore dipendente, con un figlio minore di 14 anni in quarantena a casa, può usufruire del congedo parentale nel caso in cui non possa lavorare in modalità agile. Il congedo può essere utilizzato tutto o in parte in corrispondenza del periodo di quarantena, compreso tra il 9 settembre e il 31 dicembre 2020, e da uno solo dei genitori conviventi, oppure da entrambi ma in giorni alterni.

    7 Ottobre 2020
  • Lavoratori autonomi: congedo parentale Inps

    Quali sono le regole, i requisiti, quanto spetta, e come fare domanda all’Inps. L’Inps con una circolare, datata 11 luglio 2016, ha provveduto a recepire e rendere nota la modifica introdotta da uno dei decreti attuativi del Jobs Act, in tema di maternità e paternità. Nello specifico, l’Istituto ha fornito i primi chiarimenti ed istruzioni

    3 Marzo 2017
Hai bisogno di consulenza e assistenza previdenziale?