Congedo di maternità anche dopo il parto

Al via le prime indicazioni operative dall’Inps per poter usufruire dei 5 mesi di congedo successivamente alla data del parto.

 

 A cura di 50&PiùEnasco

La legge di stabilità 2019 ha introdotto importanti novità in tema di congedo  per coloro che si apprestano ad essere genitori. In particolare, per il congedo di maternità è prevista una maggiore flessibilità. E’ infatti possibile usufruire interamente dei 5 mesi di estensione dal lavoro anche dopo il parto, a patto però che tale scelta non arrechi danno alla mamma e al nascituro.

Sino ad oggi il congedo di maternità iniziava  facoltativamente da due mesi prima ed obbligatoriamente da un mese prima della data presunta del parto (salvo gravidanze a rischio) e proseguiva, dopo il parto, sino a giungere a cinque mesi totali di astensione dal lavoro.  Inoltre, sino alla rimodulazione prevista dalla legge all’inizio del 2019,  solo in caso di adozione o affidamento nazionale di minore,  il congedo di maternità era fruibile in un unico periodo di cinque mesi a partire dall’ingresso in famiglia del minore adottato o affidato prima dell’adozione (Legge 4 maggio 1983, n. 184).

Da quest’anno, invece, anche per le   neo mamme, come per i genitori adottivi o affidatari,   saràpossibile usufruire dei 5 mesi del  congedo  di  maternità  anche interamente  dopo  il  parto (entro i successivi cinque mesi dallo stesso) e non più, obbligatoriamente  a parire dall’ultimo mese di gestazione.

A seguito di questa importante novità introdotta dalla Legge di stabilità, l’Inps  ha quindi dovuto rivedere ed aggiornare le procedure per consentire la presentazione della domanda anche con la nuova modalità di fruizione. In attesa di apposita circolare, l’Istituto per ora è intervenuto con il messaggio n. 1738/2019.

L’Inps fa sapere che: “Dal 1° gennaio 2019 l’art. 1 comma 485 della legge 145/2018, riconosce, in alternativa a quanto disposto dal comma 1 dell’art. 16 del D.Lgs. 151/2001, alle lavoratrici la facoltà di astenersi dal lavoro solo dopo l’evento del parto entro i cinque mesi successivi allo stesso, se il medico specialista del SSN o con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino che tale opzione  non  arrechi  pregiudizio  alla salute della  gestante  e del  nascituro”.

È chiaro, quindi, che la madre lavoratrice potrà fruire del congedo di maternità, previsto nel comma 1 del citato art.16 TU, dal giorno successivo alla data effettiva del parto e per i 5 mesi successivi. In attesa della circolare operativa, è già possile per le mamme esercitare questà nuova  facoltà  presentando  domanda  telematica  di  indennità  di maternità e “spuntando la specifica  opzione”.

Per qualsiasi problematica attinente l’argomento trattato, o per altra questione di natura previdenziale, il Patronato50&PiùEnasco offre tutta la consulenza e l’assistenza necessarie.

Potrebbe interessarti anche

  • Indennità colf e badanti: la circolare Inps

    L’Inps, con la circolare n. 65 del 28 maggio 2020, fornisce le istruzioni operative per la richiesta dell’indennità in favore dei lavoratori domestici che, alla data del 23 febbraio 2020, avevano in essere uno o più contratti di lavoro per una durata complessiva superiore a 10 ore settimanali. L’indennità per lavoro domestico è riconosciuta per i mesi di aprile e maggio 2020 ed è pari a 500 euro per ciascun mese.

    4 Giugno 2020
  • Cittadini britannici in Italia: prestazioni assistenziali dopo la Brexit

    L’INPS chiarisce i criteri per il riconoscimento del diritto alle prestazioni assistenziali, a sostegno della famiglia, di inclusione sociale e di invalidità ai cittadini britannici residenti in Italia, in seguito alla Brexit.

    20 Ottobre 2021
Hai bisogno di consulenza e assistenza previdenziale?
diritti inespressi